Ait Ben Haddou (berbero: Ath Benhaddou) è una città murata, o ksar, lungo la ex via carovaniera tra il Sahara e Marrakech in Marocco oggi..
La maggior parte dei cittadini che vivono nella regione ora vivono in alloggi più moderno in un villaggio vicino, ma ci sono quattro famiglie che ancora vivono nella città antica. Questa fortificazione gigante, che ha sei kasbah e ksour che sono quasi cinquanta individui kasbah, è un eccellente esempio di architettura in terra argilla. Situato ai piedi del versante meridionale dell'Alto Atlante in provincia di Ouarzazate, il sito di Ait Ben Haddou Ksar è il più famoso della Valle Ounila.
Ksar di Ait Ben Haddou è un esempio lampante di architettura del Marocco meridionale. Il Ksar è un gruppo essenzialmente collettiva delle abitazioni. All'interno delle mura difensive rinforzate da torri angolari e trafitto da un case cancello deflettore raggruppano - Alcune modeste, altre sembrano piccoli castelli urbani con il loro alto angolo torri e le sezioni superiori decorate modelli in mattoni di argilla - ma ci sono anche gli edifici della comunità e aree. Si tratta di uno straordinario complesso di edifici, che offrono un panorama completo di tecniche di costruzione in terra pre-sahariana. Vecchi edifici non sembrano essere anteriore al 17 ° secolo, anche se la loro struttura e la tecnica sono stati propagati da un periodo molto precoce nelle valli del sud del Marocco. Il sito è stato anche uno dei tanti posti di scambio sulla antica via commerciale che collegava il Sudan a Marrakech dalla valle Dra e il passo di Tizi-n'Telouet.

Di più su Kasbah Ait Ben Haddou


Architettonicamente, aree residenziali formano un gruppo compatto, chiuso e sospeso. Aree comuni includono una moschea del Ksar, una piazza pubblica, aree grano trebbiatura di fuori delle mura della città, una fortezza e un soppalco sopra il paese, un caravanserraglio, due cimiteri (musulmani e ebrei) e il Santuario San Sidi Ali o Amer.
Ksar Ait Ben Haddou è una sintesi perfetta di architettura in terra di regioni pre-sahariane del Marocco.
È sulla lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO dal 1987. E 'stato soprannominato "Mont Saint-Michel di  Chleuhs" durante il protettorato francese.